SOPRAVVIVERE AL #CORONAVIRUS

RIAPERTURA DEI BAR

Come gestire la comunicazione sui social
Oggi parleremo di un argomento importante come la riapertura dei bar e come gestire la comunicazione sui social in questa fase. Per questo intervistiamo Mirko Domanti specialista di Social Media Marketing nel settore del food e drink e proprietario di Etna Digital Academy, centro di alta formazione per imprenditori.
Mirko Domanti specialista di Social Media Marketing nel settore del Food e Drink e Proprietario di Etna Digital Academy
Come hanno reagito i suoi clienti a questa crisi?
A marzo, quando molti dei miei clienti sono stati costretti a chiudere, ci sono stati due modi di comportarsi differenti. Chi ha interrotto immediatamente il servizio della gestione dei social e chi invece mi ha contattato chiedendomi cosa fare in un periodo così particolare.

Che consiglio potrebbe dare ai nostri lettori?
Sicuramente quello di stare vicini ai propri clienti e soprattutto di considerare i clienti come delle persone! Prima regola per il successo di una pagina Facebook o un profilo Instagram è proprio quello di non considerare i social come semplici volantini dove proporre serate o promozioni, ma creare anche nel web un'esperienza indimenticabile per i clienti.

Ma cosa fare in questo periodo di chiusura?
Stare vicino alle persone in quarantena, spiegando, ad esempio, i trucchi per fare un buon cappuccino o un buon cocktail. Sarà sicuramente un modo per dire "io ci sono e vi penso". I video logicamente in questo periodo la fanno da padrone. Non c'è bisogno di essere professionisti, ma vedere il proprio barman o il ristoratore nella propria cucina rende ancora più vicino e più umano il rapporto.

Un rapporto che per il nostro lavoro, fatto di ospitalità, è veramente importante!

Secondo te cosa succederà a maggio nella fase 2?
E' ancora un mistero, si dice che dovremmo rinunciare al 62% del fatturato! Proprio per la diminuzione dei tavoli questo comporterà tante ulteriori difficoltà in attesa della Fase 3. Quando finalmente potremmo riaprire normalmente.

Quindi quando riapriremo i locali l'argomento igiene e sicurezza sarà sicuramente fonte di scelta da parte dei nostri clienti.

Inoltre, molti di noi hanno aderito a un servizio di consegna a domicilio che sicuramente continuerà anche dopo la fine della quarantena. Il mio consiglio è organizzarsi adesso, soprattutto con il digitale, per dare un servizio ottimale. Non essere costretti a dare grosse percentuali a portali che organizzano per noi il servizio, ma ci tolgono una grande fetta di fatturato. Con i nostri social possiamo, se gestiti bene, organizzare un delivery che funziona.