SOPRAVVIVERE AL CORONAVIRUS

I BUONI PROPOSITI
PER IL 2021

Quanto è importante utilizzare i canali corretti per la raggiungere i nostri clienti? Conosciamo le caratteristiche di ognuno di loro per sfruttarli al meglio.
La comunicazione efficace non è un gioco da ragazzi, ma possiamo svelarvi alcuni segreti per utilizzarla al meglio e raggiungere i vostri obiettivi di comunicazione (qualsiasi essi siano, l'importante è fissarli!).

La scelta dei canali attraverso cui comunicare è uno degli aspetti fondamentali per creare una campagna di comunicazione efficace.

Prima di andare avanti, ti consigliamo, se non lo hai ancora fatto, di leggere il nostro articolo su come sviluppare un piano di comunicazione…ti servirà per avere un'idea più organica del tema trattato, nel quale si inserisce questo approfondimento sui canali di comunicazione. Puoi trovarlo qui.

E adesso partiamo dalla prima domanda da porci: chi sono i potenziali clienti che vogliamo raggiungere con la nostra comunicazione?

Si lo sappiamo, se hai letto gli altri nostri articoli avrai già visto questa domanda diverse volte. Ci dispiace risultare ripetitivi, ma è arrivato il momento di darci una risposta strutturata.

Se non dovessimo rispondere a questo fondamentale quesito rischiamo di sprecare i nostri soldi in attività non efficaci.

# La comunicazione parte non dalla bocca che parla ma dall'orecchio che ascolta.

Se non riusciamo a conoscere chi ascolta, parleremmo a vanvera, senza raggiungere i risultati desiderati.

La conoscenza del target ci è utile sia nella definizione del messaggio, sia nella scelta dei canali di comunicazione. Ogni canale ha le proprie caratteristiche e adesso li vediamo uno alla volta.

Ci sono diversi modi di raggruppare i mezzi di comunicazione e noi abbiamo scelto di distinguerli in off line ed on line.

OFF LINE
All'interno di questo gruppo fanno parte tutti quei canali che non sono connessi strettamente al web:

  • Radio e TV: li abbiamo raggruppati perché rappresentano i mezzi di comunicazione di massa. In questo caso il messaggio arriverà ad un pubblico ampio e non molto targettizzato. Certamente si potrebbe definire una strategia ben precisa in termini di posizionamento dello spot TV o radiofonico in determinate fasce orarie, o in concomitanza di programmi che possono parlare più o meno ad un determinato pubblico.

  • Stampa: essere presenti su riviste a livello locale potrebbe essere un buon strumento di comunicazione perché ci permetterebbe di raggiungere un target geolocalizzato in una determinata area. Possiamo scegliere due tipologie di pubblicità: quella più tradizionale intesa come uno spazio pubblicitario (grafica e testo) dedicato al nostro brand o, in alternativa, potremmo utilizzare un pubbliredazionale. Quest'ultimo verrebbe scritto come un vero e proprio articolo giornalistico sulla nostra attività. La prima tipologia potrebbe essere utilizzata per spingere una promozione, la seconda per raccontare meglio chi siamo e come lavoriamo.
Ricordatevi sempre di chiedere ai giornali un'offerta anche per la versione digitale in quanto gli spazi potrebbero costare di meno e se il pubblico che volete raggiungere è più giovane allora, è il canale migliore rispetto al cartaceo.

  • Outdoor marketing (marketing fuori casa): all'interno di questa categoria ci sono tutti quegli strumenti che raggiungono il nostro pubblico fuori casa e quindi "per strada" come: le affissioni, manifesti pubblicitari in città; comunicazione sui mezzi di trasporto come autobus e metro; volantinaggio, distribuzione di volantini tramite hostess o all'interno della cassetta della posta. Per questa tipologia di canali è importante sviluppare un visual d'appeal, che possa attrarre l'attenzione ed emergere rispetto ad altre pubblicità.

ON LINE
Chi di noi ormai non è connesso? I canali on-line (in rete) hanno raggiunto ormai lo status di protagonisti nell'ambito della comunicazione. Ma non facciamoci ingannare dalla facilità con cui possiamo utilizzare alcuni di questi strumenti.
È necessario conoscerli a fondo per sfruttarli e per far crescere il nostro business.

Le caratteristiche principali che li contraddistinguono da quelli off-line sono: la facilità di tracciare la loro efficacia in tempo reale e la dinamicità con cui possiamo modificare il messaggio che stiamo comunicando.

Questi strumenti ci permettono di rimanere costantemente, e con semplicità, in relazione con il nostro pubblico.

All'interno di questa macrocategoria fanno parte:

  • Sito internet: è la nostra vetrina virtuale, sempre aperta. Il sito internet ci permette di raccontare chi siamo, i nostri valori e come lavoriamo. Possiamo utilizzare questo canale per la nostra comunicazione più aziendale, ma anche per parlare in maniera più approfondita, ad esempio, delle materie prime utilizzate e dei prodotti in menu. Possiamo anche dedicare una sezione del sito al blog, dove condividere aggiornamenti, novità e approfondimenti su un tema specifico.

  • Social Network: uno dei canali che negli ultimi anni è sempre più diffuso (il 58% di italiani li utilizza) e variegato in termini di piattaforme che ci permettono di condividere facilmente contenuti con il nostro pubblico. Ogni piattaforma ha le proprie caratteristiche in termini di funzionalità, ma anche di tipologie utenti:
    • Facebook: utilizzato principalmente per condividere contenuti in forma di "post" unendo immagine e parte testuale. Negli ultimi mesi è possibile anche condividere stories.
    • Instagram: piattaforma social nella quale le immagini hanno maggiore importanza delle parole, quindi pubblicate foto molto belle che possano attrarre.
    • Tik Tok: una delle new entry nel mondo dei social, con una crescita esponenziale. Quasi uno strumento di intrattenimento dove caricare mini-video spontanei e divertenti.
Per saperne di più, vi consigliamo di leggere il rapporto Digital 2020 di We Are Social con Hootsuite, uno degli studi più completo sull'uso di internet e sugli utenti dei social network.

Tutti i social network sopra, permettono, non solo di condividere contenuti sulle nostre pagine aziendali, quindi "in organico", ma anche di creare vere e proprie campagne di pubblicità on line con post che verranno visualizzati solo da un determinato pubblico, che possiamo definire basandoci sulla geolocalizzazione, età, interessi, ecc...

  • Motori di ricerca: la pubblicità sui motori di ricerca (principalmente Google) consiste nel creare annunci pubblicitari che verranno mostrati ad utenti che stanno cercando on line informazioni su un determinato servizio tramite parole chiave.
Inoltre, è importante che il cliente, quando cercherà la nostra attività, direttamente o indirettamente, possa trovare delle informazioni corrette e complete quindi consigliamo di prestare attenzione nella creazione di una scheda Google My Business che sia più completa e accurata possibile.

Per concludere, una volta fissati gli obiettivi e il pubblico della nostra comunicazione, create il media mix (mix di canali di comunicazione) più efficace.

Non concentratevi solo su uno di questi strumenti, ma utilizzateli insieme, per amplificare l'efficacia grazie alla maggiore frequenza con il quale il messaggio raggiungerà i vostri potenziali clienti. Questo renderà più memorabile il messaggio che volete trasmettere.

Ultimo consiglio: prima di lanciarvi in un piano di comunicazione, informatevi, leggete, siate curiosi e soprattutto prendere spunto dai grandi del settore…sicuramente troverete spunti da rielaborare per la vostra attività.

"Per mezzo di tre metodi noi apprendiamo la saggezza:
primo, con la
riflessione, che è il più nobile;
secondo, con l'imitazione, che è il più facile;
terzo, con l'
esperienza, che è il più amaro."

Seguici
Se vuoi rimanere sempre aggiornato sul nostro blog, inserisci la tua e-mail nel form sottostante ed iscriviti alla nostra newsletter.